Autunno struggente

L’estate ormai è passata
e il tempo, è corso avanti
e non ha aspettato,
neanche un momento.
Ed io a guardare indietro,
per afferrare il senso,
dei giorni ormai passati,
di istanti assaporati.
E le visioni contemplate,
con la voglia dentro,
di un amore sconfinato,
di abbracci a consolare.
Così forti per esorcizzare,
fino in fondo la paura,
col sorriso a rischiarare
ancora un altro giorno.
A riscaldare il cuore,
nell’imbrunire dell’autunno,
tra gli indorati boschi
e le annebbiate aurore.
A ritrovar l’ardore,
di regalarsi baci,
e parole dolci
e parole vere.

LOVESTORY

Playlist

Amare amare…

Vivo per metà

solchi del tempo2

Il mio sguardo perso, dentro il fiume dei ricordi,

che si intrecciano, confondendosi, coi miei sogni,

nella nostalgia, di un tempo andato, in cui ti ho amato io.

Io che non riesco  ancora ora a dimenticare

la tua pelle calda di piacere ebbra

in un amplesso  appassionato,

sospeso nel tempo e nella fantasia.

 

E se poi sono stato vivo,

solamente per metà,

ora che io te lo dico,

non lo sai che male fa,

quella tua indifferenza,

quella tua vanità 

e il disinteresse ,

di sapere che,

t’ ho amato già,

sognato ma,

pensato ma,

ma in che modo io,

ti ho pensato già,

ti ho sognato già,

ti ho amato già !?

 

Nella fitta nebbia, che fredda ci avvolgeva,

ci rifugiammo, abbracciati dentro un bar 

e ci riscaldammo,con parole sussurrate,

dai nostri baci, soffocate.

Così nei miei sogni nelle notti tristi e fredde,

quella scena ritornava ad animare la mia mente

coi fantasmi che aleggiavano e ti portavan via

via dalle mie mani e dai miei occhi nell’oblio

 

Io che sono stato vivo,

allora come non mai,

ma quanto le ho volute,

tu davvero non lo sai

quella tua confidenza,

quella tua intimità

e sapere quanto, 

mi hai pensato già,

sognato già,

desiderato ma,

in che modo tu,

mi hai pensato già,

sognato già,

amato già !?

Mistico afflato

Copia (3) di incantesimo

Sono stato,
sono stato e non sarò,
ho vissuto,
ho vissuto e morirò,
chi sia stato ancora no,
non so dirti eppure so,
solo so che lascerò,
un po' di me in quel che ho,
nei miei figli un po' di me,
nei tuoi occhi un po' di me,
nei tuoi ricordi quello che
siamo stati io e te,
un momento di poesia
dentro un grido di follia.
E se non vuoi pensarlo,
se non accetti la realtà,
fai che sia soltanto fantasia,
ma che sia vivo per sempre
nella tua mente il mio sorriso,
e allora adesso lo senti noi siamo..
siamo solo anime sospese
che volano nell'universo
oltre i confini del tempo.
Sono stato,
sono stato e non sarò,
ho vissuto,
ho vissuto e morirò,
Non c'è nulla che rimane
delle cose che eravamo,
solo l'amore che era in loro,
e tra noi quello permane,
ci nutrirà del sole la luce,
e il pulsare delle stelle,
nell'eterno viaggio in cui
saremo sempre io e te,
quell'istante di poesia,
in un grido di follia.
E allora io ti avrò per sempre,
senza l'assillo di perderti
o d lasciarti sola e non ritrovarti.
E se non ci credi vieni
e guarda come scorre,
il fiume dei ricordi
e mi riconduce al punto,
in cui eravamo,
solo un alito di vento,
soffiato nelle praterie del cielo.

Tu che non mi hai amato mai

Vola il mio pensiero là,

dove muore il sole e,

col mio desiderio ancora

io rinvengo in me,

il tuo profilo contro il cielo

rosso vivo del tramonto

mentre mi vieni incontro,

quando ti ho conosciuto.

Tu che non mi hai amato mai 

io che non vivo senza te…

Cade su di noi,

il silenzio e tace già,

la mia passione spenta,

contro il muro di ghiaccio,

del tuo cuore sordo.

Non c’è parola che riscaldi,

il tempo che ho dinnanzi,

che si svolge cupo nel sentore,

del tramonto di un amore.

Vola il mio pensiero là,

dove riposano i giorni.

che ci hanno conosciuti,

quando mi hai conquistato

e portato come un trofeo,

femminile coronamento

di famigliare e materno istinto.

Tu che non mi hai amato mai,

io che non vivo senza te..

Quando tornerò

Quando tornerò,

tu mi aspetterai,

sulla porta e

mi sorriderai,

io ti guarderò,

tu mi guarderai

e su di me sentirò,

quello sguardo che,

già  mi innamorò

Non farà più freddo, 

quando tornerò.

Non sarà più buia,

ogni notte tua.

Il mio caldo ardore,

ti riscalderà.

La fantasia dell'amore,

ti illuminerà.

Dentro i tuoi pensieri,

posto non ci sarà,

per tristezza e angoscia,

per la malinconia.

La passione del mio amore,

ti travolgerà,

e vivrai nella trepida attesa,

di riaccenderla,

colla magia dei tuoi sguardi,

con la tua allegria,

ogni giorno sarai viva,

tra le braccia mie,

quando tornerò .

 

 

 

Sedimenti del tempo

Il tempo ha lasciato, profondi, sulla mia pelle

e indelebili, i solchi del riso e del pianto,

negli occhi ombre d'angoscia, lampi di stelle.

Il tempo ha lasciato, nella mia anima e ancora sento,

incolmabile, il vuoto spinto della tua assenza,

sprazzi di gioia, nostalgia d'un momento.

Il tempo ha lasciato, dentro di me il tuo tempo,

passato e vissuto, nell'estasi e nel tormento,

a intrecciare tortuose le vie di un etereo sentimento.