• info@webriti.com

Archivio mensilegiugno 2013

Ai suoi piedi Accovacciata a

Ai suoi piedi
Accovacciata ai suoi piedi, glieli massaggia
con oli profumati, glieli accarezza con tutto
l’amore che prova. Imprime i suoi desideri
in ogni tocco, lo sente abbandonarsi ed é in quel momento
che lo sente infinitamente suo.È quell’attimo che si porterà
come ricordo indelibile.

Fantasma

Se potessi volare , liberarmi dalla zavorra di meschini
pensieri, di inutuli parole. Se potessi volando ritornare
alla soglia della nascita, e potere scegliere con la consapevolezza
dell’oggi, sceglierei di non nascere.
Resterei in un luogo senza corpo, solo armonia di gesti, soffio leggero
di vento primaverile. Sarei fantasma buono, canterei la ninna nanna
a chi di vivere ha paura. Sarei musica per i peccatori d’amore.
Antonia Iemma2013

Sognando un fisico perfetto

Rosaria ha una fame, una fame famelica, si sveglia
di notte, sente il richiamo del cibo, un richiamo disperato.
Cerca di resistere, immaginarsi con un fisico perfetto,
di avere gli uomini più belli ai suoi piedi. Ma é violento il richiamo
del salame, del formaggio, del pane fresco, accompagnato
da un buon vino rosso e come in trance si alza, apre la dispensa.
Si domani, domani notte incomincerà la dieta, ha tempo per il
suo fisico perfetto, adesso gode mangiando.

Antonia Iemma2013

Lo shampista

Annalisa austera, impeccabilmente elegante
nei suoi completi stile uomo. Tutti sussurrano ”Frigida”.
Niente scalfisce la sua corazza, ha raggiunto l’apice del successo.
Ogni venerdi Annalisa scioglie la sua chioma, indossa una lunga
gonna a fiori, senza niente sotto, si reca dal suo shampista.
Le sue mani sulla sua testa sprigionano elettrizzanti sensazioni,
con una lauta mancia se lo prenota per la notte, per la sua stanza dei
piaceri.

Il tempo scorre e loro sono ancora qui innamorati

Sono stati giovani, belli, colmi di sogni e speranza.
Uno sguardo, un sorriso,si piacquero, lui la corteggiò
come s’usava una volta, seduti davanti al camino, sotto
lo sguardo vigile della mamma. Con tanto amore, pochi soldi
e tanti sacrifici si sposarono, crearono una bella famiglia
e s’amarono nel bene e nel male, come si promisero davanti a Dio.
Oggi mano nella mano un po’ persi nel vuoto, ma ancora uniti
nell’ultimo tratto di cammino.Un sorriso illumina il loro viso,
vedono i loro giovani corpi che galopppano d’amore.
Antonia Iemma2013

Vai alla barra degli strumenti